Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Pavia

Contatti:

Viale Camillo Golgi 19, 27100 Pavia

C.F. 00303490189

Sito Web
Centralino: 0382.5011 Informazioni: 0382.503151
0382 529012

Direzione aziendale:

Nunzio Del Sorbo
già Direttore Generale

Roberto Pinardi
Direttore Amministrativo

Guido Broich
Direttore Sanitario

Giampaolo Merlini
Direttore Scientifico

Presentazione
Studi e Ricerche

La Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico San Matteo, costituita con Decreto del Ministero della Salute del 28/04/2006, è un ente di rilievo nazionale ed internazionale di natura pubblica con forte presenza universitaria.
Articolata nella sede di Pavia e nel Presidio di Belgioioso, si caratterizza per l'offerta di prestazioni di ricovero e cura di alta specialità e per la forte vocazione all’integrazione di ricerca scientifica, assistenza e didattica tanto nelle Strutture di diagnosi e cura quanto nei Laboratori. Le aree di eccellenza sono molteplici. Tra queste: cardiologia, cardiochirurgia, ematologia, malattie infettive, ortopedia, oncoematologia pediatrica, chirurgia robotica, banca del cordone ombelicale e lo studio delle malattie rare.
L’importante produzione scientifica del San Matteo ha portato alla pubblicazione nel 2013 di 646 articoli su riviste scientifiche internazionali, con Impact Factor pari a 3471 punti. Le sperimentazioni cliniche sono circa 650.
Sono in corso vari progetti di cooperazione internazionale.
Il San Matteo in cifre
L’IRCCS dispone di oltre 1000 posti letto accreditati afferenti alla ATS di Pavia (bacino di utenza di 700mila abitanti).
Con i suoi oltre 4100 operatori ha offerto nel 2014 circa 40.000 ricoveri (6500 in day hospital), il 16% dei quali a pazienti fuori Regione; gli accessi in Pronto Soccorso sono stati 95.000 e 400.000 le prestazioni erogate in PS, mentre quelle ambulatoriali sono state 2 milioni e mezzo. Nel corso degli anni, grazie agli investimenti tecnologici realizzati, sono aumentate le prestazioni ad alta complessità.
Il nuovo ospedale "DEA"
Il nuovo Padiglione denominato “DEA” è una struttura di circa 65 mila mq, inaugurato il 31 ottobre 2013: è costituito da una piastra che configura un EAS (Pronto Soccorso di Alta Specialità) di circa 6 mila mq in grado di gestire qualsiasi tipo di emergenza, avendo a disposizione una struttura di diagnostica di ultimissima generazione costituita da 2 TC a 640 e 160 strati, oltre a una radiologia digitale di ultimissima generazione, 12 posti di Osservazione Breve Intensiva, 5 postazioni di Codice Rosso, 6 postazioni di alta media intensità (Codice Giallo), e un notevole numero di ambulatori in grado di gestire i codici minori. Complanare a tale struttura, un Blocco Operatorio di 15 sale. Un intero piano è dedicato alla Terapia Intensiva. Il “DEA” conta circa 500 posti letto, dove è in fase di realizzazione il modello per intensità di cura e complessità assistenziale.
La storia
La Fondazione è un Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico tra i più importanti d’Europa ed è anche un laboratorio di sperimentazione clinica e sede privilegiata di attività assistenziale dal 1400. L'Ospedale San Matteo nasce nel 1449 con sede presso l'attuale Università (vedi la sezione "la storia").  Nel 1932 si trasferisce nell'attuale costruzione a padiglioni, fortemente voluta dal Premio Nobel Camillo Golgi. Nel 1927 un Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero dell'Interno ne sancisce la trasformazione in Ospedale Clinico in convenzione con l'Università di Pavia, e nel 1972 è classificato Ospedale Generale Regionale. Riconosciuto I.R.C.C.S. per la prima volta nel 1982, il San Matteo è sempre stato successivamente riconfermato in tale ruolo.

Di seguito i progetti a cui ha partecipato l'azienda associata:

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.