Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2013

Ospedale senza dolore

Umbria Libro Bianco della Buona Sanità 2013
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

All'Azienda Ospedaliera di Perugia l'ospedale senza dolore è realtà: grazie a un osservatorio permanente sul dolore, alla formazione continua del personale sanitario e alla promozione di protocolli di trattamento specifici, la percezione del dolore nei pazienti viene costantemente monitorata ed è anche diminuita negli ultimi cinque anni.

Nonostante sia stato scientificamente dimostrato quanto la presenza del dolore sia invalidante dal punto di vista fisico, sociale ed emozionale, oggi anche nelle istituzioni più avanzate il dolore continua ad essere una dimensione sottovalutata. L'Azienda Ospedaliera di Perugia ha deciso invece di seguire le orme del progetto internazionale avviato nel 1992 dall'ospedale canadese St-Luc di Montreal, appoggiato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), e di partire nel 2008 con il suo “Ospedale senza dolore”. L'Italia è uno dei Paesi che promuove questa iniziativa, insieme a Stati Uniti, Francia, Svizzera, Belgio, Spagna.

Nel mese di aprile del 2008 il progetto “Ospedale senza dolore” è stato approvato dell’Azienda Ospedaliera di Perugia in attuazione del progetto OMS e delle linee guida ministeriali. In cinque anni sono stati conseguiti risultati importanti: non solo una buona performance ottenuta per il parto indolore ma anche la riduzione della prevalenza e la misurazione sistematica del dolore al letto del paziente. Il primo passo per la realizzazione del progetto è stato quello di costituire il “Comitato ospedale senza dolore” presso la stessa AOU. Il Comitato ha incluso i referenti della direzione sanitaria, della farmacia ospedaliera e dell'ufficio formazione e qualità, esperti e operatori delle strutture di anestesia e rianimazione, un referente medico e un referente infermiere per ogni struttura complessa, per un totale di circa 100 operatori. Il coordinamento del gruppo è stato affidato alla direzione medica ospedaliera.

L'iniziativa cardine del progetto è la misurazione sistematica del dolore al letto del malato, eseguita almeno due volte al giorno. Un particolare aspetto del progetto è invece rappresentato dal “Parto Indolore”. Dal primo aprile 2011 l'Azienda garantisce il “Servizio di parto analgesia h24”: per le gestanti interessate all'anestesia in travaglio è stato predisposto un percorso pre-parto, con apertura di un ambulatorio anestesiologico (previsto ogni mercoledì dalle ore 14.30 alle 20) presso l'ospedale Santa Maria della Misericordia.

Il processo di attuazione del progetto è stato accompagnato da diverse iniziative di formazione: fra novembre e dicembre 2009 e gennaio-febbraio 2010 si è svolto il corso ad hoc per i componenti del Comitato Ospedale senza Dolore. Successivamente, è stata avviata un'esperienza formativa anche per il personale dell'area chirurgica e un corso di formazione a distanza per gli operatori dell'area medica. Nel 2012 si è tenuto un audit clinico per il miglioramento dei processi di valutazione e trattamento del dolore. Ogni anno l'Azienda Ospedaliera di Perugia partecipa alla Giornata nazionale del Sollievo, iniziativa che riguarda il territorio nazionale, promossa dall'Associazione nazionale Gigi Ghirotti e supportata dal Ministero della Salute, che oltre a coinvolgere i pazienti e i familiari, punta anche a sensibilizzare tutta l'opinione pubblica sul tema.

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA DIRETTORE GENERALE

Walter Orlandi
già Direttore Generale

REFERENTE

Manuela Pioppo
già Direttore Sanitario

Esperienze simili

Applicazione del braccialetto identificativo al paziente degente nell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma

AOU Parma

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Costringere un paziente ad indossare un braccialetto identificativo solo non molto tempo fa sarebbe stato considerato un comportamento discriminatorio e anche politicamente scorretto. Oggi, fortunatamente, questi pregiudizi (dettati da retaggi storio...

Leggi tutto...

Creazione ed attuazione di un percorso diagnostico terapeutico assistenziale per la gestione e la cura del piede diabetico nell’Area Vasta Giuliano-Isontina

ASS 1 Triestina

data: 2013

Regione: Friuli Venezia Giulia

Il termine “piede diabetico”, che indica la complessa patologia che può svilupparsi a carico del piede nei pazienti con diabete, rappresenta la prima causa di amputazione non traumatica degli arti ed è un frequente motivo di ricovero in ospedale. Bas...

Leggi tutto...

La gestione integrata e multidisciplinare del Servizio di nutrizione artificiale domiciliare attraverso un gruppo aziendale dedicato

ASL Provincia di Varese

data: 2013

Regione: Lombardia

Costituire un gruppo di lavoro multidisciplinare sulla nutrizione artificiale domiciliare (NAD), con l’obiettivo di ‘decentralizzare’le differenti fasi che partono dalla prescrizione della dieta artificiale da parte del medico ospedaliero e consentir...

Leggi tutto...

Percorso multidisciplinare per la gestione del piede diabetico

AUSL Piacenza

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Con l’aumento della sopravvivenza dei pazienti diabetici e con l’incremento dell’età media della popolazione generale, la patologia del piede diabetico è diventata la complicanza tardiva del diabete mellito con più rilevante peso sociale ed economico...

Leggi tutto...
CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.