Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2013

Percorso assistenziale su Infarto acuto del miocardio

Sicilia Libro Bianco della Buona Sanità 2013
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

Migliorare l'efficacia della gestione dei pazienti con infarto acuto del miocardio attraverso un percorso assistenziale appositamente studiato in termini di appropriatezza e volto alla tempestività delle prestazioni eseguite come la fibrinolisi e l'angioplastica. È questo il principale obiettivo realizzato dall'Azienda sanitaria provinciale di Palermo con un progetto avviato a febbraio 2012 su proposta della direzione aziendale.

L'esperienza – che a seguito di una prima fase sperimentale è stata adottata parzialmente in forma stabile dall'Azienda – è nata dopo che il Programma nazionale di valutazione degli esiti del 2011 aveva evidenziato per la ASP Palermo un esito meno favorevole rispetto alla media nazionale della proporzione di pazienti con infarto del miocardio e sopraslivellamento del tratto ST trattati con angioplastica coronarica (nota in inglese con l'acronimo PTCA, Percutaneous Transluminal Coronary Angioplasty). Il progetto si è strutturato in due fasi principali. La prima è stata la definizione e applicazione di percorso assistenziale di pazienti con infarto del miocardio e sopraslivellamento del tratto ST – in particolare per l'esecuzione di fibrinolisi e di angioplastica – e in secondo luogo la diffusione della scheda per il monitoraggio del percorso, in cui vengono registrate le prestazioni effettuate e i tempi di esecuzione delle stesse. In quest'ultima fase sono stati coinvolti in particolare 48 medici delle Unità ospedaliere di Medicina d'urgenza e Pronto Soccorso dei cinque presìdi ospedalieri aziendali, nove medici dell'Unità di Cardiologia del presidio ospedaliero civico di Partinico e altri quattro dell'Unità di Emodinamica del presidio G.F. Ingrassia. Le diverse unità operative sono state coinvolte in modo integrato fra di loro, in quanto il paziente, accettato, valutato e trattato secondo quanto previsto dal percorso nei Pronto Soccorso dei presidi ospedalieri e nell'Unità operativa di Cardiologia del Presidio ospedaliero Civico di Partinico, viene inviato per eventuale angioplastica all'Unità operativa di Emodinamica del Presidio ospedaliero G.F. Ingrassia.

Il cambiamento più significativo ottenuto dall'esperienza è stato il monitoraggio delle prestazioni assistenziali da parte degli attori che le hanno eseguite. Una difficoltà iniziale è stata la mancata completezza delle schede dei pazienti, con conseguente complessità nel valutare l'adesione al percorso assistenziale nel 30% dei casi. Problema al quale si è rimediato con una comunicazione mirata ai professionisti per un monitoraggio più preciso del percorso assistenziale.

Anche se adottata a regime solo parzialmente dalla ASP, l'esperienza ha portato a benefici quantificabili: ha interessato tutti e cinque i presìdi dell'Azienda e i pazienti che sono risultati aderenti al nuovo percorso assistenziale – e che quindi sono stati tempestivamente trasferiti in centri di cardiologia “hub” con possibilità di effettuare l'angioplastica – sono stati 101 sui 147 oggetto del monitoraggio. Al 31 dicembre 2012 il percorso assistenziale è stato applicato a circa il 70% dei pazienti.

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA
  • ASP Palermo
DIRETTORE GENERALE

Antonino Candela
Direttore Generale

REFERENTE

Francesco Giambanco
Responsabile U.O.S. Emodinamica e Cardiologia Interventistica

Esperienze simili

Percorso multidisciplinare per la gestione del piede diabetico

AUSL Piacenza

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Con l’aumento della sopravvivenza dei pazienti diabetici e con l’incremento dell’età media della popolazione generale, la patologia del piede diabetico è diventata la complicanza tardiva del diabete mellito con più rilevante peso sociale ed economico...

Leggi tutto...

Applicazione del braccialetto identificativo al paziente degente nell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma

AOU Parma

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Costringere un paziente ad indossare un braccialetto identificativo solo non molto tempo fa sarebbe stato considerato un comportamento discriminatorio e anche politicamente scorretto. Oggi, fortunatamente, questi pregiudizi (dettati da retaggi storio...

Leggi tutto...

Creazione ed attuazione di un percorso diagnostico terapeutico assistenziale per la gestione e la cura del piede diabetico nell’Area Vasta Giuliano-Isontina

ASS 1 Triestina

data: 2013

Regione: Friuli Venezia Giulia

Il termine “piede diabetico”, che indica la complessa patologia che può svilupparsi a carico del piede nei pazienti con diabete, rappresenta la prima causa di amputazione non traumatica degli arti ed è un frequente motivo di ricovero in ospedale. Bas...

Leggi tutto...

La gestione integrata e multidisciplinare del Servizio di nutrizione artificiale domiciliare attraverso un gruppo aziendale dedicato

ASL Provincia di Varese

data: 2013

Regione: Lombardia

Costituire un gruppo di lavoro multidisciplinare sulla nutrizione artificiale domiciliare (NAD), con l’obiettivo di ‘decentralizzare’le differenti fasi che partono dalla prescrizione della dieta artificiale da parte del medico ospedaliero e consentir...

Leggi tutto...
CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.