Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2013

CCHBHC per soggetti con fragilità socio-sanitaria e pazienti affetti da BPCO e scompenso cardiaco. Implementazione delle migliori evidenze scientif...

Emilia Romagna Libro Bianco della Buona Sanità 2013
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

Il modello tradizionale di assistenza sanitaria biomedica, basato sull’attesa e focalizzato sull’assistenza alle patologie acute e sull’ospedale, è sempre meno in grado di affrontare con successo le sfide della sanità del futuro, rappresentate dall’invecchiamento della popolazione, dall’innovazione tecnologica, e dai crescenti costi per l’assistenza sanitaria, a cui fanno da contraltare l’aumento delle diseguaglianze sociali. Un suggerimento in tal senso arriva dalla letteratura recente, secondo la quale il “Chronic Care Model” (CCM) rappresenta un sistema organizzativo efficace, sicuro ed efficiente, capace di focalizzare l’attenzione sulle patologie croniche e sulla loro prevenzione con un orientamento integrato tra cure primarie e secondarie.  La Ausl di Ravenna ha fatto tesoro di queste indicazioni, lanciandosi però oltre e costruendo nel 2010 il suo progetto grazie all’estensione del CCM, rappresentato dal “Comprehensive, Community and Homebased Health Care Model” (CCHBHC), basato sul coinvolgimento di nuove figure che collaborano alla gestione delle patologie croniche e sull’organizzazione multidisciplinare degli operatori sanitari. Un modello che si potrebbe definire ‘comprensivo’, per soggetti con fragilità socio-sanitaria e pazienti affetti da BPCO e scompenso cardiaco, che si pone come obiettivo quello di porre il paziente e la sua famiglia al centro delle cure e di valorizzare il contributo degli individui, della comunità e dei professionisti. A questo proposito, per migliorare l’utilizzo delle risorse aziendali la scelta è stata quella di stratificare i pazienti per patologia e grado di fragilità e applicare operativamente percorsi coordinati che prevedano integrazioni strutturate fra professionisti e fra settingassistenziali. L’implementazione del modello, sostenuto dalle numerose evidenze della letteratura scientifica, ha la caratteristica di verificare la fattibilità attraverso l’individuazione degli step necessari, la loro sequenza, i fattori critici e quelli favorevoli. Uno dei principali meriti della sperimentazione è di aver portato alla costruzione di registri per l’individuazione dei pazienti e di aver previsto la formazione multidisciplinare di medici ed infermieri, che costituiscono il team assistenziale che prenderà in carico il paziente affetto da BPCO e da scompenso cardiaco. Il progetto ha previsto l’attivazione, presso i tre Nuclei di cure primarie (NCP) oggetto della sperimentazione (Russi, Bagnacavallo, Faenza), degli ambulatori per patologia cronica, nei quali i pazienti con BPCO e scompenso cardiaco saranno seguiti e monitorati nel tempo, per la corretta valutazione del decorso della malattia e della qualità della vita. Inoltre l’esperienza dell’Azienda di Ravenna ha portato alla creazione di banche dati informatizzate dove poter effettuare uno screening su tutta la popolazione residente, individuando i soggetti maggiormente a rischio fragilità, sui quali attivare interventi di contatto, connettivi (inserimento nei circuiti informali di relazione e sostegno) e preventivi ad opera dei Servizi Anziani e del Volontariato.

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA
  • AUSL Ravenna
DIRETTORE GENERALE

Andrea Des Dorides
Già Direttore Generale

REFERENTE

Riccardo Varliero
Direttore Dipartimento Cure Primarie

Esperienze simili

SCAP – Servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica

ASL Bt

data: 2013

Regione: Puglia

Ideare un servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica, da realizzare in collaborazione con i pediatri di famiglia, per rispondere ad un problema molto sentito tra la popolazione locale: la mancanza di assistenza pediatrica specialistica durante i...

Leggi tutto...

A.N.C.O.R.A. – Accoglienza Non Collaboranti: Orientamento alle Risorse Assistenziali

AOU Policlinico Paolo Giaccone di Palermo

data: 2013

Regione: Sicilia

Una realtà alla quale ‘ancorarsi’, per ricevere sostegno e aiuto in ambito ospedaliero. È necessario partire dal titolo del progetto, A.N.C.O.R.A., messo in piedi nel gennaio del 2011 dal Policlinico Giaccone di Palermo, per rendersi conto di quanto ...

Leggi tutto...

Percorsi diagnostici terapeutici assistenziali integrati come strumento di governo clinico per il miglioramento della qualità dell’assistenza

AOU di Parma

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Se ne parla e la si invoca da anni, oramai quasi da un decennio, come il rimedio perfetto per contrastare i tanti problemi sanitari, di bilancio e di gestione, che affliggono le complesse società moderne. Stiamo parlando della cosiddetta ‘continuità ...

Leggi tutto...

Riabilitazione psicologica nei reparti critici

AO Opedali Riuniti "Papardo - Piemonte"

data: 2013

Regione: Sicilia

Condivisione, continuità e interdisciplinarietà. Ispirandosi a questi 3 principi chiave, che dovrebbero far parte del bagaglio culturale di ogni progetto sanitario che si occupi di integrazione socio-sanitaria e ‘presa in carico’ delle patologie cron...

Leggi tutto...
CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.