Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2011

Inserimento dell'infermiere Case Manager nella conduzione del percorso clinico assistenziale della paziente con tumore alla mammella nell'AOU di Bo...

Emilia Romagna Libro Bianco della Buona Sanità 2011
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

Garantire la presa in carico assistenziale delle pazienti con diagnosi di sospetta o accertata neoplasia della mammella nelle diverse fasi di conferma diagnostica e terapia, al fine di migliorare la continuità dell’assistenza, in coerenza con le più attuali linee di ricerca scientifica. Il tutto grazie al lavoro svolto da un team multidisciplinare, composto dal chirurgo, dall’oncologo, dal radiologo, dal radioterapista e dalla figura del cosiddetto ‘Infermiere Case-manager (ICM)’, che rappresenta la figura responsabile del percorso terapeutico. E’ questo l’innovativo progetto avviato nel 2000 dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna: tra gli obiettivi quello di migliorare i tempi d’attesa dell’appropriato iter diagnostico-terapeutico, fissando gli standard aziendali, di migliorare gli aspetti informativi e comunicativi con la paziente e, infine, di ottimizzare e monitorare i livelli di qualità delle cure prestate, attraverso l’identificazione di indicatori di processo e di esito e la messa a punto di un sistema di raccolta e analisi dei dati. In Italia il tumore del seno è ilpiù frequente nel sesso femminile (uno su 10,80% oltre i 50 anni) e rappresenta il 25% di tutti i tumori che colpiscono le donne. Nello specifico, il percorso messo a punto dall’Azienda bolognese prevede fasi ben definite: si parte con l’accesso della paziente, e relativa prima valutazione che avviene prevalentemente per opera dei medici degli ambulatori di Oncologia Medica, e si prosegue con una valutazione diagnostica multidisciplinare. Successivamente, in caso di sospetta o accertata patologia neoplastica, la paziente viene indirizzata all’ambulatorio senologico interdisciplinare (ASI) per una precisa definizione diagnostica dei casi dubbi o non risolti o per un eventuale approfondimento multidisciplinare nei casi accertati. In quest’ultimo caso, se dalla valutazione del team emerge la necessità di approfondimento diagnostico, l’ICM provvede a programmare le indagini aggiuntive ritenute necessarie dagli specialisti del team, garantendo un accesso privilegiato per tali indagini. Contestualmente, durante la presa in carico della paziente, viene redatto il piano terapeutico multidisciplinare con lo scopo di individuare nel team i clinici di riferimento per la paziente, di concordare con lei i contenuti e gli obiettivi per la gestione della malattia e di assicurarle, in caso di necessità, il supporto psicologico. Grazie all’individuazione di un responsabile di percorso, l’Infermiere Case Manager, il progetto ha introdotto importanti cambiamenti, migliorando i tempi di attesa dell’iter diagnostico-terapeutico, riducendo i tempi di degenza al solo ricovero (le pazienti effettuano tutto l’iter diagnostico ambulatorialmente) e assicurando una maggiore chiarezza delle informazioni nel rapporto con la paziente. Da un punto di vista pratico, le visite all’ASI sono state più di 150 l’anno e il tempo necessario per l’accertamento diagnostico è risultato nell’80% dei casi al di sotto dei 15 giorni, mentre l’intervallo fra la diagnosi definitiva e l’eventuale intervento chirurgico non ha mai superato i 30 giorni. Un percorso virtuoso, dunque, dimostrato dal fatto che le pazienti perse al follow-up dei primi 5 anni -non viste per oltre 12 mesi- è inferiore al 5%. Il progetto non ha avuto sponsor esterni ma ha coinvolto l’Associazione “Con il seno di poi”, nata a Bologna nel 1999 e che raggruppa donne operate al seno e professionisti sanitari.

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA DIRETTORE GENERALE

Sergio Venturi
Già Direttore Generale

REFERENTE

Patrizia Taddia
Direttore S. Infermieristico Tecnico Riabilitativo

Esperienze simili

SCAP – Servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica

ASL Bt

data: 2013

Regione: Puglia

Ideare un servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica, da realizzare in collaborazione con i pediatri di famiglia, per rispondere ad un problema molto sentito tra la popolazione locale: la mancanza di assistenza pediatrica specialistica durante i...

Leggi tutto...

Percorsi diagnostici terapeutici assistenziali integrati come strumento di governo clinico per il miglioramento della qualità dell’assistenza

AOU di Parma

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Se ne parla e la si invoca da anni, oramai quasi da un decennio, come il rimedio perfetto per contrastare i tanti problemi sanitari, di bilancio e di gestione, che affliggono le complesse società moderne. Stiamo parlando della cosiddetta ‘continuità ...

Leggi tutto...

A.N.C.O.R.A. – Accoglienza Non Collaboranti: Orientamento alle Risorse Assistenziali

AOU Policlinico Paolo Giaccone di Palermo

data: 2013

Regione: Sicilia

Una realtà alla quale ‘ancorarsi’, per ricevere sostegno e aiuto in ambito ospedaliero. È necessario partire dal titolo del progetto, A.N.C.O.R.A., messo in piedi nel gennaio del 2011 dal Policlinico Giaccone di Palermo, per rendersi conto di quanto ...

Leggi tutto...

Riabilitazione psicologica nei reparti critici

AO Opedali Riuniti "Papardo - Piemonte"

data: 2013

Regione: Sicilia

Condivisione, continuità e interdisciplinarietà. Ispirandosi a questi 3 principi chiave, che dovrebbero far parte del bagaglio culturale di ogni progetto sanitario che si occupi di integrazione socio-sanitaria e ‘presa in carico’ delle patologie cron...

Leggi tutto...

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.