Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2013

Migliorare le sicurezza del processo di dimissione dall'Ospedale al Territorio del paziente anziano - La check-list “Dimissione del paziente”

Emilia Romagna Libro Bianco della Buona Sanità 2013
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

Una check-list per migliorare la fase di dimissione dei pazienti dall'ospedale, in particolare di quelli anziani. È lo strumento escogitato dall'Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma per ridurre i ripetuti ricoveri di malati cronici e di persone affette da più patologie e per questo soggette a riacutizzazioni.

L'aumento di pazienti polipatologici, anziani e fragili in particolare, ha indotto l'Unità ospedaliera di Lungodegenza critica dell'AOU parmense, insieme al Settore scientifico disciplinare (SSD) di governo clinico, gestione del rischio e coordinamento qualità e accreditamento, a promuovere uno studio multidisciplinare per analizzare le criticità emergenti e definire nuovi strumenti per garantire la continuità assistenziale e migliorare la sicurezza della dimissione dei pazienti. Già esperienza di successo in ambito chirurgico, la “check list” è stata presa in considerazione per essere estesa anche a quest'altro processo assistenziale complesso.

Dopo uno studio preliminare orientato all'osservazione e all'identificazione delle aree di intervento prioritarie, il progetto – partito a ottobre 2011 – si è articolato in quattro fasi. La prima si è strutturata in un'analisi del problema, ossia delle criticità evidenziate in fase di dimissione nei pazienti polipatologici e fragili. In secondo luogo è stata messa a punto una check list, frutto del lavoro condiviso multiprofessionale, che ha tradotto le procedure aziendali della dimissione del paziente fragile in specifiche azioni e comportamenti osservabili. Nuovo modus operandi che ha portato in primo piano gli aspetti comunicativo–relazionali con il paziente, i familiari e fra i professionisti stessi. La terza fase è stata la sperimentazione della check list, dal primo ottobre 2011 al 29 maggio 2012. A consolidamento dei risultati raggiunti, la check list è stata estesa a tutte le quattro strutture della Lungodegenza e, ad oggi, a tutte le strutture del dipartimento geriatrico-riabilitativo.

Da ottobre 2011 a maggio 2012 sono state compilate 658 check list (56% sul totale di 1165 dimissioni). Importanti i risultati rilevati attraverso la compilazione di schede da parte dei professionisti, il 78,6% del campione (517 schede). La check list ha intercettato un elevato numero di “quasi eventi/errori latenti”: il 67,8% delle schede ha riportato almeno una “non conformità” con prevalenza maggiore per infermieri (17%) e operatori socio-sanitari (12,5%) rispetto ai medici (5,75%). Per i medici é risultata preponderante la mancata verifica dell'attivazione dei servizi territoriali-medici di medicina generale; per gli infermieri, la mancata compilazione della lettera di dimissione infermieristica con l'ultima terapia effettuata ed il controllo dei dispositivi; per gli operatori socio-sanitari, la mancata verifica dell'igiene del paziente.

L'esperienza è stata presentata alla XV Conferenza Nazionale HPH & HS che si è svolta l'8 novembre 2012 a Trieste ed è stata classificata fra i poster premiati. In più è citata in una pubblicazione del Dipartimento per la Salute britannico dal titolo “Ready to go? Planning the discharge and the transfer of patients from hospital and intermediate care” (2010).

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA DIRETTORE GENERALE

Leonida Grisendi
Già Direttore Generale

REFERENTE

Giovanna Campaniello
Responsabile S.S.D. Governo Clinico e Gestione del Rischio

Esperienze simili

A.N.C.O.R.A. – Accoglienza Non Collaboranti: Orientamento alle Risorse Assistenziali

AOU Policlinico Paolo Giaccone di Palermo

data: 2013

Regione: Sicilia

Una realtà alla quale ‘ancorarsi’, per ricevere sostegno e aiuto in ambito ospedaliero. È necessario partire dal titolo del progetto, A.N.C.O.R.A., messo in piedi nel gennaio del 2011 dal Policlinico Giaccone di Palermo, per rendersi conto di quanto ...

Leggi tutto...

Riabilitazione psicologica nei reparti critici

AO Opedali Riuniti "Papardo - Piemonte"

data: 2013

Regione: Sicilia

Condivisione, continuità e interdisciplinarietà. Ispirandosi a questi 3 principi chiave, che dovrebbero far parte del bagaglio culturale di ogni progetto sanitario che si occupi di integrazione socio-sanitaria e ‘presa in carico’ delle patologie cron...

Leggi tutto...

SCAP – Servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica

ASL Bt

data: 2013

Regione: Puglia

Ideare un servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica, da realizzare in collaborazione con i pediatri di famiglia, per rispondere ad un problema molto sentito tra la popolazione locale: la mancanza di assistenza pediatrica specialistica durante i...

Leggi tutto...

Percorsi diagnostici terapeutici assistenziali integrati come strumento di governo clinico per il miglioramento della qualità dell’assistenza

AOU di Parma

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Se ne parla e la si invoca da anni, oramai quasi da un decennio, come il rimedio perfetto per contrastare i tanti problemi sanitari, di bilancio e di gestione, che affliggono le complesse società moderne. Stiamo parlando della cosiddetta ‘continuità ...

Leggi tutto...
CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.