Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2013

UFE – Utenti familiari esperti

Provincia Autonoma di Trento Libro Bianco della Buona Sanità 2013
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

All’interno del Servizio di Salute Mentale (SSM) di Trento, intorno al 1999, utenti e familiari riportavano un malessere generalizzato per pratiche lavorative che venivano vissute come ‘lontane’ e poco partecipate. In sintesi, non si sentivano abbastanza riconosciuti e coinvolti nella definizione delle attività messe in atto, causa una difficoltà di comunicazione con gli operatori. In aggiunta, le pratiche risultavano essere proposte all’utente e non concordate con esso, non favorendo dunque la centralità e non attivando percorsi di responsabilizzazione. Così, nell’ottica di migliorare i servizi offerti e aumentare la soddisfazione degli utenti, sono state proposte a partire da quell’anno attività volte a favorire il coinvolgimento di utenti, familiari e operatori, attraverso un peculiare approccio chiamato del “fareassieme”, una tipica pratica di empowerment che comprende tutte le attività promosse dal Servizio e in cui sono coinvolti, alla pari, utenti, familiari e operatori. Nei primi anni si è trattato per lo più di intraprendere iniziative di ‘nicchia’, anche molto diverse tra loro nei contenuti, ma tutte legate dallo stesso filo rosso: creare occasioni di condivisione tra utenti, familiari e operatori così da attivare circoli virtuosi. Fino a quando, nel 2005, il Servizio di Salute Mentale di Trento ha deciso di far partire (grazie ad un finanziamento dell’Agenas) il progetto UFE - Utente familiari esperti, con l’obiettivo di valorizzare il sapere esperienziale di utenti e familiari e di aumentare la loro partecipazione attiva nelle pratiche quotidiane. L’esperienza degli UFE si prefiggeva di migliorare la gestione di problemi tradizionalmente comuni nel mondo della salute mentale, come quelli riguardanti l’adesione ai trattamenti, alla soddisfazione e al ruolo delle parti interessate nella governance del sistema, coinvolgendo tutte le parti in causa, dai gruppi di auto-mutuo-aiuto per utenti e familiari ai gruppi di sensibilizzazione fino alla creazione di una Casa dell’auto-aiuto (struttura residenziale con 14 posti letto che vive 24 ore al giorno le pratiche della mutualità). Partendo da questa base operativa si è andata sviluppando nel tempo la figura dell’Utente Familiare Esperto. Dal 2005 ad oggi la figura degli UFE si è diffusa in tutte le aree del Servizio di Salute mentale, e ad oggi gli UFE coinvolti sono circa 40, con diverse mansioni: alcuni operano nel Centro di salute mentale o nel Reparto ospedaliero, altri svolgono funzioni di sensibilizzazione, nelle scuole come nelle comunità, o si tengono in stretto contatto con le famiglie. La presenza degli UFE, caratterizzata da una sorta di percorso di cambiamento partecipato, gestito dal ‘basso verso l’alto’, ha favorito un miglioramento dei rapporti tra utenti, familiari e operatori, con importanti ricadute sul clima generale, considerato che grazie al lavoro svolto il Progetto ha evidenziato una miglior adesione ai trattamenti e la costruzione di un rapporto significativo con il SSM. L’esperienza realizzata si è diffusa attraverso l’Agenas in 6 Dipartimenti di salute mentale italiani (Ancona, Bologna, Cagliari, Roma B, Palermo, Perugia) ed è stata replicata anche in realtà internazionali, come nel Centro di Salute Mentale territoriale di Bejing, in Cina. Il progetto, infine, ha ottenuto diversi riconoscimenti pubblici, tra i quali il Premio Gulliver come esperienza più innovativa in Salute Mentale (2008), da parte della Regione Emilia Romagna, e il “miglior esempio di empowerment organizzativo” da parte dell’Agenas (2009).

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA DIRETTORE GENERALE

Luciano Flor
già Direttore Generale

REFERENTE

Renzo De Stefani
Responsabile Servizio di Salute Mentale

Esperienze simili

SCAP – Servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica

ASL Bt

data: 2013

Regione: Puglia

Ideare un servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica, da realizzare in collaborazione con i pediatri di famiglia, per rispondere ad un problema molto sentito tra la popolazione locale: la mancanza di assistenza pediatrica specialistica durante i...

Leggi tutto...

Riabilitazione psicologica nei reparti critici

AO Opedali Riuniti "Papardo - Piemonte"

data: 2013

Regione: Sicilia

Condivisione, continuità e interdisciplinarietà. Ispirandosi a questi 3 principi chiave, che dovrebbero far parte del bagaglio culturale di ogni progetto sanitario che si occupi di integrazione socio-sanitaria e ‘presa in carico’ delle patologie cron...

Leggi tutto...

Percorsi diagnostici terapeutici assistenziali integrati come strumento di governo clinico per il miglioramento della qualità dell’assistenza

AOU di Parma

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Se ne parla e la si invoca da anni, oramai quasi da un decennio, come il rimedio perfetto per contrastare i tanti problemi sanitari, di bilancio e di gestione, che affliggono le complesse società moderne. Stiamo parlando della cosiddetta ‘continuità ...

Leggi tutto...

A.N.C.O.R.A. – Accoglienza Non Collaboranti: Orientamento alle Risorse Assistenziali

AOU Policlinico Paolo Giaccone di Palermo

data: 2013

Regione: Sicilia

Una realtà alla quale ‘ancorarsi’, per ricevere sostegno e aiuto in ambito ospedaliero. È necessario partire dal titolo del progetto, A.N.C.O.R.A., messo in piedi nel gennaio del 2011 dal Policlinico Giaccone di Palermo, per rendersi conto di quanto ...

Leggi tutto...

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.