Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2011

Elaborazione di un modello di comunicazione con la stampa

Lombardia Libro Bianco della Buona Sanità 2011
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

Regolamentare il rapporto con i  mezzi di comunicazione, da un lato garantendo un’informazione rapida e tempestiva e dall’altro evitando la pubblicazione di notizie parzialmente o completamente errate o eccessivamente allarmistiche. Il rapporto media-mondo sanitario non è mai stato facile, ma in epoca di rivoluzione digitale è diventato via via sempre più importante, per entrambi. Impossibile, per certi aspetti, farne a meno. Se ne sono accorti all’Azienda Regionale Emergenza Urgenza (AREU) della Lombardia, che lo scorso anno ha deciso di lanciare un nuovo sistema di comunicazione, in grado di garantire un’informazione a 360° sul lavoro delle Centrali operative 118 dell’Azienda Regionale e al tempo stesso di fare in modo che i giornalisti, a volte troppo invasivi (a Milano, per esempio, non sono rari i giorni in cui sono stati superati i cento contatti), non creino difficoltà alla normale attività sanitaria. Tra gli obiettivi anche quello di rispettare la privacy dei cittadini e di diffondere notizie relative ai progetti di AREU e del mondo spesso poco conosciuto del 118. Il nuovo sistema si basa su un modello di trasmissione di informazioni non più legato alla comunicazione verbale ma rapportato al mondo Web, grazie  alla creazione di una pagina dedicata sul sito www.areu.lombardia.it. Nello specifico ai giornalisti (previo accredito) è stata riservata un'area del sito dove si può consultare l'elenco di tutte le missioni, estratto da Emma - il sistema operativo di Centrale - e pubblicato con un minimo ritardo sul ‘real time’. Un ritardo appositamente voluto per motivi di opportunità e sicurezza. Su questo elenco, mediante l'applicazione di filtri, sono visibili gran parte delle informazioni: gli orari, le località, il motivo della chiamata al 118, la tipologia dei mezzi di soccorso intervenuti, la destinazione ospedaliera e le altre forze intervenute. Questa ‘operazione trasparenza’ voluta dall’Azienda regionale ha fin da subito dato i suoi frutti. I primi risultati dell’utilizzo di questa nuova procedura automatica informatizzata, infatti, hanno evidenziato in tutte le Centrali operative di Emergenza Urgenza un aumento della correttezza delle notizie di cronaca riportate dalla stampa ed una riduzione della situazione conflittuale tra operatori e giornalisti;  inoltre in  2 Centrali su 4 è stata rilevata una sensibile riduzione del numero complessivo delle chiamate dei giornalisti alle stesse Centrali. Più in generale i rapporti con la stampa, prima burrascosi in alcuni frangenti, hanno evidenziato una proficua collaborazione, che naturalmente ha avuto riflessi positivi sul lavoro quotidiano degli operatori e sulle modalità di gestione della comunicazione nei momenti di particolare emergenza, che sono diventate più semplici e meno conflittuali. Infine, i rapporti più collaborativi tra operatori e giornalisti (che hanno più volte espresso il loro gradimento per il nuovo servizio) hanno aperto nuove prospettive di sinergie con il mondo dei media, ad esempio sulla diffusione di progetti comunicativi che coinvolgono i cittadini sull’educazione all’emergenza. Questa esperienza è stata citata su N&A, il mensile del soccorso (febbraio 2010).

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA DIRETTORE GENERALE

Alberto Zoli
Direttore Generale

REFERENTE

Cristina Corbetta
Responsabile Comunicazione

Esperienze simili

Miglioramento e umanizzazione della comunicazione con il paziente

ULSS 21 Legnago

data: 2013

Regione: Veneto

Dei pazienti che si lamentano per il trattamento medico l'80% desidera più attenzione da parte del personale sanitario, mentre il 90% chiede che il fatto da cui è scaturita la lamentela non si ripeta. I dati, estrapolati da uno studio britannico (“Pu...

Leggi tutto...

Lapis (Laboratorio permanente interservizi per la semplificazione della comunicazione scritta)

AUSL Modena

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Una seria razionalizzazione dei documenti in uso nell'Azienda sanitaria e un primo contributo alla dematerializzazione, con il passaggio da 148 moduli solo cartacei a 75 moduli online. È il principale risultato conseguito dall'AUSL Modena con “Lapis”...

Leggi tutto...

La soddisfazione delle persone assistite

AOU Ospedali Riuniti Ancona

data: 2013

Regione: Marche

Pazienti “piuttosto soddisfatti” o “molto soddisfatti” per l'assistenza infermieristica ricevuta durante il ricovero presso l'Azienda Ospedaliera Universitaria “Ospedali Riuniti” di Ancona nei tre presidi Umberto I, G.M. Lancisi e G. Salesi. Una perc...

Leggi tutto...

Consenso alle cure: il punto di vista del paziente come elemento essenziale per il miglioramento dei percorsi implementati

AO Provincia di Lecco

data: 2013

Regione: Lombardia

Il punto di vista del paziente come elemento essenziale del consenso alle cure. È il cuore di un progetto dell'Azienda Ospedaliera di Lecco volto ad assicurare l'autodeterminazione del malato, la sua maggiore partecipazione nell'affrontare le cure e ...

Leggi tutto...

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.