Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2013

Erogazione diretta di farmacia in dimissione da ricovero e da visita specialistica e farmaci ad alto costo e/o sottoposti a monitoraggio

Emilia Romagna Libro Bianco della Buona Sanità 2013
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

Continuità terapeutica garantita al paziente anche dopo le dimissioni dall'ospedale e un risparmio di circa 15 milioni di euro sulla spesa farmaceutica territoriale grazie a un nuovo sistema di distribuzione diretta dei farmaci. Sono i principali risultati raggiunti dall'Azienda Usl Piacenza grazie a un progetto che ha interessato tutte le unità ospedaliere e territoriali della AUSL, i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e tutti i cittadini della provincia, anche i non residenti purché in dimissione da ricovero ospedaliero o da visita specialistica presso le strutture aziendali.

Portata avanti per due anni in forma sperimentale (da gennaio 2009) e poi adottata a regime, l'iniziativa è nata dalla constatazione che le prescrizioni ospedaliere non vincolate da regole precise, al momento delle dimissioni, generavano un incremento di spesa sul territorio. Senza contare il fatto che in questo modo ai pazienti non era assicurata la continuità terapeutica, non si poteva contare su un monitoraggio dei farmaci ad alto costo e non era garantito il controllo dell'aderenza terapeutica. Inoltre l'erogazione diretta dei farmaci in dimissione (legge 405/2001), per visita specialistica ambulatoriale e per presa in carico di pazienti cronico-complessi, non veniva effettuata dal servizio di farmacia, ma una parziale erogazione veniva svolta attraverso reparti e servizi.

Il progetto è partito inizialmente allestendo un punto di distribuzione dei farmaci presso il presidio ospedaliero di Piacenza al quale si devono rivolgere tutti i pazienti dimessi da ricovero o da visita specialistica. Ogni paziente con la prescrizione viene registrato attraverso un software che consente così di analizzarne e monitorarne i dati. In secondo luogo è stata approntata una modifica alla lettera di dimissione ospedaliera per facilitare la prescrizione per principio attivo e imporre il corretto utilizzo delle note dell'Agenzia italiana del farmaco (AIFA). La regolare registrazione dei piani terapeutici e l'erogazione con registrazione nominale dei farmaci ad alto costo sottoposti a monitoraggio Aifa ha consentito da una parte di monitorare l'aderenza terapeutica dei pazienti che puntualmente si recavano in distribuzione diretta per il ritiro del farmaco, dall'altra, attraverso i registri Aifa e i percorsi di risk sharing, di controllare l'appropriatezza prescrittiva dei farmaci a monitoraggio e chiedere i rimborsi dovuti in caso di fallimento della terapia secondo quanto stabilito dall'accordo tra Ministero della Salute e aziende farmaceutiche.

Partito con questi criteri presso l'ospedale di Piacenza, il progetto è stato poi esteso agli ospedali periferici (in prima istanza Fiorenzuola e Castel San Giovanni e successivamente Bobbio).

Innumerevoli i risultati ottenuti: la garanzia di controlli per prescrizione, erogazione e vigilanza sulle complicanze per i farmaci ad alto costo sottoposti a monitoraggio, la possibilità per i pazienti con terapie croniche e complesse di afferire al punto di distribuzione diretta dei farmaci a seguito della visita evitando disagi e perdite di tempo, consentendo tra l'altro un risparmio economico per l'Azienda e il monitoraggio della terapia da parte della stessa. Questo sistema di distribuzione dei farmaci ha inoltre contribuito al contenimento della spesa farmaceutica territoriale con un risparmio di circa 15 milioni di euro.

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA DIRETTORE GENERALE

Andrea Bianchi
Già Direttore Generale

REFERENTE

Simonetta Radici
Farmacia Territoriale – Direttore di Farmacia

Maria Gasparini
Dipartimento Farmaceutico

Esperienze simili

Piano delle Performance dell’ASL di Varese

ASL Provincia di Varese

data: 2013

Regione: Lombardia

In tempi di ristrettezze economiche, che a più riprese minacciano la sostenibilità del Servizio Sanitario nel suo complesso, migliorare le performance delle amministrazioni dovrebbe essere un obiettivo comune per tutte le strutture che lavorano e ope...

Leggi tutto...

Progetto Per.La – Personalizzazione degli orari di lavoro e telelavoro in APSS

APSS Trento

data: 2013

Regione: Provincia Autonoma di Trento

Favorire forme di flessibilità degli orari di lavoro e di telelavoro dei dipendenti in maniera tale da garantire un rapporto più bilanciato tra vita lavorativa e vita personale. Supportata da questa convinzione, emersa da uno studio interno realizzat...

Leggi tutto...

Rete regionale Trapianti di rene

AOU Ospedali Riuniti Ancona

data: 2013

Regione: Marche

“Chi salva una vita salva il mondo intero”. Per una volta è forse opportuno partire dalla fine. O meglio dal 21 settembre 2012, quando lo slogan sopra citato comparve su un elegante invito realizzato dalla Regione per celebrare il prestigioso traguar...

Leggi tutto...

Delineare le competenze dei referenti della formazione per ridisegnare il processo della formazione continua in ASS 1 Triestina

ASS 1 Triestina

data: 2013

Regione: Friuli Venezia Giulia

Negli ultimi tempi la formazione ha assunto una rilevanza sempre maggiore all’interno dei sistemi sanitari avanzati. Sistemi che, in epoca di rivoluzione digitale, per garantire una elevata qualità dei servizi devono necessariamente fondarsi sulla co...

Leggi tutto...
CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.