Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Buona sanità

2011

Progetto di Telecardiologia avanzato intra-aziendale

Marche Libro Bianco della Buona Sanità 2011
Descrizione
Richiedi informazioni

Descrizione

Concepita e nata per l’impiego sul territorio, la telecardiologia, un’applicazione di telemedicina che consente la pratica della Cardiologia attraverso i moderni mezzi di telecomunicazione, ha potenzialità enormi in ambito intraospedaliero, sia di tipo organizzativo (migliore utilizzazione delle risorse, riduzione dei tempi di attesa, refertazione-archiviazione in linea, etc) sia per quanto riguarda l’appropriatezza clinica. In ospedali di grandi dimensioni, infatti, soprattutto se organizzati in padiglioni o in presidi monospecialistici, disporre di un sistema centralizzato per la lettura e l’archiviazione di un Elettrocardiogramma (ECG) anche “semplice” costituisce un vantaggio organizzativo straordinario. Per questo nel giugno del 2006 l’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Umberto I Gm Lancisi, G. Salesi” di Ancona ha deciso di realizzare un progetto di telecardiologia avanzato intra-aziendale, indirizzato in particolare ai pazienti con sindromi coronariche acute e ai pazienti ricoverati in ambienti “protetti”: rianimazioni, oncologie, ematologie e presidi materno-infantili. Il progetto prevede una valutazione iniziale del paziente con ECG ed ecocardiogramma, e un’azione di monitoraggio e di valutazione del paziente in telecardiologia con rilievo giornaliero dell’ECG e valutazione ecocardiografica in relazione alla clinica e alla tipologia di eventuali farmaci somministrati. Nel corso della valutazione iniziale l’ECG viene eseguito con il sistema di telecardiologia, in maniera da costituire la base su cui valutare in maniera automatica eventuali variazioni dei parametri più importanti. Mentre l’ecocardiogramma basale, dopo una valutazione completa eseguita prima del ricovero, in assenza di problematiche di rilievo viene eseguito con una apparecchiatura di semplice utilizzo. Le immagini vengono poi trasferite attraverso la rete aziendale al servizio di telecardiologia, e esaminate dal cardiologo che provvede alla loro archiviazione. Per quanto riguarda invece l’azione di monitoraggio, in questa fase gli esami ecocardiografici vengono eseguiti esclusivamente dagli specialisti del reparto di riferimento e trasmessi via web al Servizio di cardiologia. E in caso di necessità viene attuato anche un telemonitoraggio continuo dei parametri vitali essenziali, in modo che la situazione clinica sia condivisa tra cardiologo ed ematologo responsabile. Il cardiologo si reca pertanto nei reparti di terapia intensiva solo se la sua presenza è strettamente necessaria. Un percorso dunque articolato, che mira ad assicurare la continuità assistenziale e che ha permesso di eseguire una valutazione cardiologica nel 100% dei pazienti trattati, contro il  30% precedentemente rilevata, oltre a ridurre i costi e i tempi di attesa per visite e follow-up, realizzate direttamente nel corso della visita di controllo ematologica. Inoltre, i controlli cardiologici inappropriati sono scesi sotto la soglia fisiologica del 10%, mentre sono stati ridotti, se non azzerati, i tempi di attesa per la valutazione cardiologica intraospedaliera. Infine il progetto realizzato dall’Azienda di Ancona ha portato ad una riduzione delle visite pre-chirurgiche da 700-800 a meno di 100.

Contattaci

fcpdnbb:
Campo obbligatorio Nome corretto
nome:
Campo obbligatorio Nome corretto
cognome:
Campo obbligatorio Cognome corretto
email:
Email non valida Email corretta
telefono:
oggetto:
Campo obbligatorio Messaggio corretto
Campo obbligatorio

condividi Facebook share
AZIENDA DIRETTORE GENERALE

Gino Tosolini
Già Direttore Generale

REFERENTE

Gian Piero Perna
Direttore Dipartimento Scienze Cardiovascolari

Esperienze simili

Collegamento in Rete dei Centri Emofilia e Network con i Pronto Soccorso della Regione Emilia-Romagna

AOU di Parma

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Cartelle mediche online e collegamento in rete dei Centri Emofilia e dei Pronto Soccorso: così l'Emilia Romagna è diventata la prima regione italiana a dotarsi di un network avanzato che garantisce ai pazienti emofiliaci – circa mille in regione – di...

Leggi tutto...

Sistema informatico per la sorveglianza di laboratorio delle infezioni correlate all'assistenza e degli eventi alert

APSS Trento

data: 2011

Regione: Provincia Autonoma di Trento

Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) rappresentano un problema rilevante per tutte le strutture sanitarie, anche perché coinvolgono sia l’aspetto propriamente assistenziale sia quello inerente alla gestione economica di un ospedale...

Leggi tutto...

Adozione di un programma informatizzato di prescrizione e somministrazione personalizzata e gestione delle terapie

AO IRCCS di Reggio Emilia - Arcispedale S.Maria Nuova

data: 2013

Regione: Emilia Romagna

Terapie più sicure, con somministrazione di farmaci personalizzata, grazie all'informatizzazione del sistema delle prescrizioni. Ci ha pensato l'Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova di Reggio Emilia che ha avviato una prima fase sperimentale della t...

Leggi tutto...

La scatola delle idee

ASL 4 Chiavarese

data: 2013

Regione: Liguria

Partecipazione, miglioramento continuo e customer satisfaction. Si muove intorno allo sviluppo di questi tre concetti l’azione dell’Azienda Sanitaria di Chiavari, in Liguria, che nel gennaio del 2013 ha lanciato un inedito progetto, innovativo sin da...

Leggi tutto...

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.