Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.
22 febbraio 2020

Convegno "Sanità: semplificazione, trasparenza e responsabilità. L'Anticorruzione possibile"

Palermo Organizzato da: Innovazione per L'Italia - Centro Studi sulla Sanità e la Pubblica Amministrazione
Descrizione
Programma
Relatori

Presentazione

Con il Piano Nazionale Anticorruzione l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha declinato un modello virtuoso fondato sui principi di responsabilità nell’uso delle risorse pubbliche, trasparenza e buone pratiche, attraverso una mappa dettagliata di regole da seguire per rendere assai improbabili eventuali deviazioni dal rispetto della legalità: una svolta epocale, affinché le azioni della Sanità possano possa essere declinate secondo i principi di chiarezza e trasparenza, coinvolgendo anche le Regioni a fare la loro parte.
Degli obiettivi strategici, posti dal Piano Nazionale Anticorruzione, quello di creare un contesto sfavorevole alla corruzione è di certo il più sfidante. Un obiettivo, che impone un investimento in cultura organizzativa, ma, soprattutto, in una diversa “qualità etica” dell’amministrazione pubblica, come l’insieme delle condizioni necessarie per il raggiungimento di un clima al suo interno, che riflettono la capacità di stimolare una condotta coerente dei dipendenti pubblici, ma anche di “educare” il mercato ai propri principi e obiettivi generali.
Ma la prevenzione della corruzione si fa anche attraverso una gestione consapevole dei conflitti di interessi. Si tratta di un punto centrale. E’ per questo che l’emersione dei collegamenti di interessi e la loro gestione sia da parte dei professionisti sia da parte degli enti dovrebbe rappresentare una delle attività su cui investire maggiormente mediante la promozione di attività di due diligence, cioè di controlli e di valutazioni sugli interessi privati, portati seriamente e responsabilmente in emersione, anche con il coinvolgimento degli stessi operatori privati, per l’adozione di misure pertinenti e coerenti con le indicazioni normative.
Si tratta di puntare sulla trasparenza del sistema, cosicché, nei casi in cui qualsiasi interesse dovesse risultare anche solo potenzialmente confliggente con l’interesse primario dell’Ente pubblico o comunque tale da influenzarne in maniera inappropriata le decisioni, le attività o la reputazione, possa essere gestito attraverso condotte predeterminate e trasparenti. Occorre nella gestione dei rapporti tra stakeholder di mercato e Sanità e, più in generale, nell’ambito del conflitto di interessi, introdurre maggiore cultura e governance e meno burocrazia.
Si tratta, insomma, di combinare l’approccio basato sulle regole, sui controlli e sulla compliance aziendale con un approccio basato sulla responsabilità individuale degli agenti pubblici, sul sistema di valori che li guida, sulla consapevolezza delle proprie e altrui azioni, sulla lettura e corretta ricostruzione dei contesti; si deve puntare in definitiva sulla costruzione una sapiente gestione del clima etico all’interno dell’organizzazione.
Ma sono indispensabili, altresì, processi di riorganizzazione imperniati sulla semplificazione delle procedure, sulla tracciabilità, anche attraverso le più recenti soluzioni informatiche, delle attività svolte e sulla verifica degli obbiettivi e dei risultati conseguiti dai singoli attori del sistema, tappe di un percorso finalizzato a rendere trasparente e responsabile il sistema e chi vi lavora e a realizzare così forme efficienti di prevenzione delle prassi corruttive.

Luogo dell'evento

Villa Malfitano Withaker

Via Dante Alighieri, 167

Programma

Ore 9.00
APERTURA E INTRODUZIONE AI LAVORI
Giuseppe Pecoraro, Presidente Innovazione per l’Italia - Centro Studi sulla Sanità e la Pubblica Amministrazione
Ore 9.15
IL QUADRO GENERALE E DI CONTESTO
Virginio Carnevali, Presidente Transparency International
Ore 9.35
L’ORGANIZZAZIONE DELLE AZIENDE SANITARIE E IL VALORE DELLA PREVENZIONE
Elio Borgonovi, Presidente CERGAS Bocconi
Ore 9.55
CONFLITTO DI INTERESSI, SEMPLIFICAZIONE E GOVERNANCE
Paolo Cantaro, Direttore generale Gruppo Morgagni Catania
Maria Cristina Cavallaro, Ordinario di Diritto Amministrativo Università di Palermo
Fernanda Gellona, Direttore generale Confindustria Dispositivi medici
Francesco Ripa di Meana, Presidente FIASO
Giuseppe Siscari, Tecnomed
Marco Sonsini, Telosaes
Ore 11.25
COFFEE BREAK
Ore 11.40
L’ESPERIENZA GIUDIZIARIA. DALLA REPRESSIONE ALLA PREVENZIONE
Paolo Ielo, Procuratore aggiunto Procura della Repubblica di Roma
Nicoletta Parisi, Consigliere ANAC
Salvatore Pilato, Presidente Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti di Venezia
Modera: Massimo Russo, Magistrato già Assessore alla Salute della Regione Siciliana
Ore 12.35
LE AZIONI PER L’ANTICORRUZIONE POSSIBILE NELLA SANITÀ E NELLA P.A. REGIONALE
Gaetano Armao, Assessore Economia e Bilancio Regione Siciliana
Ruggero Razza, Assessore della Salute Regione Siciliana*
On.le Carmelo Pullara, Vicepresidente VI Commissione ARS Regione Siciliana
Modera: Accursio Sabella, Direttore Live Sicilia
Ore 13.30
CONCLUSIONE
*In via di conferma

Partecipanti

condividi Facebook share
MAPPA

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.