Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Nuova ordinanza del Ministero della Salute per contrastare la diffusione del Covid-19

21/03/2020 Area Tematica: Coronavirus
condividi Facebook share

Nella serata di ieri 20 marzo il Ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza che introduce nuove restrizioni in tutto il Paese per contrastare e contenere la diffusione del Coronavirus.

"È necessario fare ancora di più per contenere il contagio - ha dichiarato il ministro -. Garantire un efficace distanziamento sociale è fondamentale per combattere la diffusione del virus. Il comportamento di ciascuno è essenziale per vincere la battaglia".

Le misure rafforzano i provvedimenti a sostegno del distanziamento sociale. Le nuove misure saranno valide sino al 25 marzo. Alcune, come quella relativa ai parchi, erano già state anticipate da alcune Regioni, come per esempio l’Emilia-Romagna, o da ordinanze di Sindaci, con la chiusura di questi spazi o il divieto di accesso agli stessi. Le nuove misure prevedono:

1. il divieto di accesso a parchi, ville, aree gioco e giardini pubblici;

2. il divieto di svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto. L’attività motoria individuale è consentita in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona; 

3. il divieto di spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza, nei giorni festivi e prefestivi e in quelli che precedono o seguono immediatamente questi giorni;

4. la chiusura di bar ed alimentari all’interno delle stazioni ferroviarie, nelle aree di servizio e di rifornimento di carburante, fatta eccezione per quelli presenti sulle autostrade. A questi ultimi è consentito vendere soltanto prodotti da asporto, che devono essere consumati al di fuori dei locali. Restano aperti bar ed alimentari all’interno di ospedali e aeroporti, con l’obbligo di assicurare il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. 

Leggi l'ordinanza sul sito del Ministero

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.