Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Giornata per la sicurezza delle cure. Minarini, FIASO: "Coniugare sicurezza degli operatori a sicurezza dei luoghi di cura è obiettivo primario del...

17/09/2020
condividi Facebook share

Oggi si celebra la Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Istituto superiore di sanità, Agenzia italiana del farmaco e Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, per sottolineare che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute. L’iniziativa si celebra in concomitanza con la Giornata mondiale della sicurezza dei pazienti, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per stimolare le amministrazioni pubbliche a sostenere "l'attenzione e l'informazione sul tema della sicurezza delle cure e della persona assistita”.

Andrea Minarini, risk manager della Federazione e Direttore della Medicina legale e Risk management dell’Azienda Usl di Bologna, intervenuto oggi al webinar Le sicurezze al centro, organizzato dal Forum Risk Management Sanità, ha sottolineato che “coniugare la sicurezza degli operatori alla sicurezza dei luoghi di cura è sempre stato un obiettivo prioritario per FIASO, all’insegna del motto 'la sicurezza per tutti e tutti per la sicurezza’. FIASO si è impegnata costantemente in un’opera di sensibilizzazione sull’importanza della sicurezza in ambito aziendale, convinta che percezione del rischio e cultura della sicurezza siano due cardini fondamentali per la salute del paziente. E lo ha fatto privilegiando l’analisi globale della sicurezza dei luoghi di cura e il monitoraggio delle politiche di gestione del rischio. In questo approccio rientrano anche le due survey condotte di recente con le Aziende sanitarie, una pre-Covid, sull'applicazione della cosiddetta Legge Gelli, l’altra sulla gestione del Covid”.

“La Federazione si è posta l’obiettivo di favorire la migliore informazione verso le Aziende, promuovere una maggiore flessibilità delle organizzazioni sanitarie e una operatività più efficace della gestione del rischio in sanità dopo l’emergenza, anche attraverso il ripensamento dell'intensità dei sistemi di cure, che devono essere più dinamici possibile, e la revisione delle attività socio-sanitarie territoriali in rapporto con gli enti locali. In sintesi: attenzione alla sicurezza, supporto ai professionisti, informazione e formazione, promozione di un approccio condiviso”.

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.