Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Il Presidente Ripa di Meana in Commissione Affari Sociali sull’antibiotico-resistenza

“Aziende FIASO in prima fila per migliorare il Piano nazionale di contrasto”

02/08/2019
condividi Facebook share

È un fenomeno spesso sottostimato dalla popolazione, ma che ha impatti rilevanti sulla salute a livello globale. Si tratta dell’antibiotico-resistenza, vale a dire la perdita di efficacia degli antibiotici a causa, soprattutto, dell’eccessivo e non appropriato uso di questi farmaci.

Su questo tema FIASO, rappresentata dal Presidente Francesco Ripa di Meana accompagnato da Piero Borgia, coordinatore FIASO 4.0, è stata audita il 31 luglio in Commissione Affari Sociali della Camera.

“Le aziende iscritte alla Federazione sono da anni impegnate in prima fila per correggere e migliorare aspetti del Piano Nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza - ha dichiarato il Presidente -. “Riconosciamo la necessità di una governance complessiva, ma anche di sistemi incentivanti negli ospedali a favore di direttori sanitari, risk manager e professionisti. Occorre lavorare molto sulla formazione e sulle campagne di informazione, oltre a promuovere l’intersettorialità delle azioni di contrasto nelle aziende tra i servizi preventivi e assistenziali”. 

Il Presidente ha poi osservato come si sia assistito a un generale miglioramento della sanificazione degli ambienti ospedalieri: “L’ospedale è oggetto di un miglioramento delle sanificazioni, ma attenzione: il problema è da ricercare anche nei rischi di spostamento del paziente, nel passaggio delle infezioni attraverso persone, cibi, sostanze, e non solo nell’ambiente. Un controllo sul fenomeno è possibile, grazie anche alla maggiore esternalizzazione dei servizi cui si è assistito negli ultimi anni”.

“L’unica parte del Piano nazionale che stenta a partire è quella relativa alle comunità protette - ha proseguito -. Nelle case di riposo e nelle Asp occorre trovare strumenti efficaci per verificare la tipologia di infezione batterica da curare con specifici antibiotici, stabilirne la parentela e seguire da vicino il percorso del paziente”.

Infine, riguardo all’utilizzo degli antibiotici in zootecnia il Presidente ha auspicato un maggiore intervento e un maggiore controllo sul fenomeno da parte del servizio veterinario nazionale che - ha concluso - “è una ricchezza enorme nel nostro Sistema sanitario, e una delle migliori veterinarie al mondo”.

L'intervento integrale del Presidente FIASO è disponibile su YouTube:

Guarda la prima parte

Guarda la seconda parte

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.