Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Aperte le iscrizioni alla Scuola civica di alta formazione "Diritti e partecipazione in Sanità"

In scadenza i primi due corsi su diritti sostenibili e acquisti

11/09/2017 Area Tematica: Ultim'ora
condividi Facebook share

Aperte le iscrizioni ai percorsi brevi di formazione della Scuola Civica su diritti e sanità di Cittadinanzattiva, rivolta ai decisori del SSN, alle diverse comunità professionali che vi lavorano, alle organizzazioni di cittadini e pazienti, ma anche al mondo delle imprese e della comunicazione perché riconosce a tutti questi soggetti un ruolo attivo e fondamentale nel governo delle politiche per la salute.

Di seguito informazioni e programma dei primi due corsi attivati.

1. "Diritti sostenibili. Dalla compatibilità economica alla sostenibilità del diritto"

La sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale è da sempre il tema sul quale le Istituzioni e tutti gli stakeholder si interrogano. Nonostante ciò i punti di vista dei diversi attori sul concetto stesso di sostenibilità non sono ancora sovrapponibili.
Per le Istituzioni la sostenibilità del SSN è affrontata nei fatti guardando prevalentemente alla dimensione economica. In altre parole il SSN è sostenibile se compatibile con le risorse allocate secondo una precostituita scala gerarchica dei valori dell’Istituzione che governa in un dato momento il territorio nazionale, regionale e locale.
Per i cittadini, il SSN è sostenibile se innanzitutto accessibile nei tempi giusti, se non lascia indietro nessuno, se è in grado di ridurre le attuali disuguaglianze garantendo pari opportunità, se garantisce equità, sicurezza, qualità, personalizzazione, innovazione e umanizzazione delle cure….se è in grado di sostenere i redditi delle famiglie e nello stesso modo in tutte le Regioni, e se tutto questo viene realizzato garantendo “conti in ordine”.
Il tema è stato affrontato anche dalla 12^ Commissione Igiene e Sanità del Senato mediante un’indagine conoscitiva che fa proprie le conclusioni del Rapporto di Roy Romanow, della Commissione sul futuro del servizio sanitario in Canada (2002): “non vi è alcuno standard su quanto un Paese dovrebbe spendere per la salute. La scelta riflette la storia, i valori e le priorità di ciascuno e – aggiunge – il sistema è tanto sostenibile quanto noi vogliamo che lo sia”.
Anche la Corte Costituzionale è intervenuta chiarendo il rapporto che esiste tra diritti incomprimibili dell’individuo e il principio del pareggio di bilancio: “è la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione”.
Il tema della sostenibilità del SSN impone una riflessione anche dal punto di vista etico e lo dimostra l’impegno del Comitato nazionale di Bioetica che ha elaborato il documento “In difesa del Servizio sanitario nazionale” e ha messo a fuoco nove Raccomandazioni per la difesa, la preservazione, il rilancio, l’equità e la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).
Data del corso
14 e 15  settembre 2017
Luogo del corso
Luiss Enlabs, via Marsala 29, Roma
Destinatari
Il corso è rivolto a 25 attori del mondo della salute, tra funzionari e professionisti impegnati nelle politiche per la salute, oltre che rappresentanti di organizzazioni civiche. Di 25 posti previsti, 5 sono riservati a responsabili di organizzazioni civiche e di pazienti.

2. "Acquisti in sanità. Governare le innovazioni garantendo i diritti" (iscrizioni entro il 18 agosto)

Le molteplici misure di Spending Review degli ultimi anni, la Legge di Bilancio 2016 e il nuovo Codice degli Appalti (e successivi provvedimenti correlati) hanno introdotto almeno due rilevanti innovazioni nelle procedure di acquisto in sanità: 1. La centralizzazione degli acquisti 2. Il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. La sfida che attende tutti gli attori del SSN è quella di garantire il perfetto equilibrio tra due esigenze: la tutela dei diritti del malato e la necessità di utilizzare al meglio le risorse economiche disponibili, ridurre le inefficienze e garantire così “conti in ordine”. Il corso si propone dunque di guidare queste innovazioni introdotte nei processi di acquisto, guardando di più e meglio, rispetto a quanto fatto sinora, ai bisogni dei cittadini e alla qualità dell’assistenza, fornendo ai partecipanti, metodi e strumenti per una partecipazione qualificata, valorizzando azioni di cambiamento già in atto nel governo della salute e creando una rete di soggetti che siano agenti di cambiamento per il servizio sanitario nazionale.
Data del corso
25-26 settembre
Luogo del corso
Luiss Enlabs, via Marsala 29, Roma
Destinatari
Il corso è rivolto a dirigenti e funzionari di istituzioni sanitarie, delle centrali acquisto, agli economi e ai provveditori, ai farmacisti ospedalieri, ai medici, operatori sanitari, alle associazioni di cittadini e di pazienti. Di 25 posti previsti, 5 sono riservati a responsabili di organizzazioni civiche e di pazienti.
I materiali didattici di entrambi i corsi saranno resi disponibili ai partecipanti attraverso un link ad accesso riservato.
Al termine dei corsi verrà rilasciato un attestato di frequenza.
Costi e modalità di iscrizione a ciascun corso: 150 euro + IVA se dovuta (La quota comprende il light lunch).

Allegati

SCARICA Diritti sostenibili_programma

SCARICA Acquisti in Sanità_programma

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.