Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Verso una diagnosi precoce del mesotelioma: su "Cancers" lo studio del Centro Regionale di Breath Analysis Puglia

01/06/2020
condividi Facebook share

Uno studio sistematico condotto dai ricercatori del Centro Regionale di Breath Analysis (CeRBA), in Puglia, ha individuato nel respiro umano un gruppo di molecole che indicano la presenza di mesotelioma pleurico nei pazienti campione.

La ricerca – pubblicata sulla rivista internazionale Cancers - apre scenari promettenti per lo sviluppo di un test rapido e non invasivo per diagnosticare in anticipo questa patologia tumorale responsabile, nel nostro Paese, di 1800 casi annui, e per la quale non si dispone ancora di un test di screening per la diagnosi precoce.

“La pubblicazione si riferisce ai primi dati di uno studio sistematico che stiamo realizzando nell’ambito delle patologie di cui ci occupiamo presso la SSD di Oncologia Toracica dell’Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” e cioè le neoplasie della pleura e del polmone”, dichiara Annamaria Catino, oncologa dell’IRCCS Istituto Tumori Giovanni Paolo II, che ha condotto la parte clinica dello studio. “Siamo convinti che un tipo di analisi così poco invasiva, ripetibile e promettente riguardo alla correlazione con la presenza della malattia, delle sue caratteristiche biologiche e del suo decorso, potrebbe rappresentare un utile strumento, una volta validato ed eventualmente integrato con altre indagini, ad oggi principalmente radiologiche, sia nello screening che nella diagnosi e nel monitoraggio della malattia in corso di trattamento. Stiamo inoltre estendendo la sperimentazione ad altre cliniche a cominciare da quelle del nostro territorio come l’Ospedale Moscati di Taranto”. 

Per Alessia Di Gilio, del Dipartimento di Biologia dell’Università di Bari, primo autore della pubblicazione: “L’aspetto più affascinante di questa collaborazione è lo scambio di esperienze e dunque la possibilità di realizzare una forma di ricerca traslazionale unendo le intuizioni scientifiche e le tecnologie con l’applicazione clinica”.

Il Centro Regionale di Breath Analysis è tra i primi centri pubblici al mondo per l’analisi del respiro ed è stato istituito un anno fa con Protocollo di intesa siglato dall’Agenzia Regionale Strategica per la Salute ed il Sociale – ARESS Puglia, l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro e l’IRCCS Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.