Il tuo browser è molto datato. Per la corretta visualizzazione di questo sito e la sicurezza del tuo computer passa ad un browser più recente.
Ad esempio puoi scegliere tra i seguenti browser grauiti: Google Chrome, Mozilla Firefox.

Web Meeting

titolo descrizione
L’Italia che rinasce dopo il COVID: il contributo del management sanitario al cambiamento della PA  


Il management della sanità italiana ha esercitato un ruolo fondamentale nella gestione dell’emergenza COVID, ma anche garantendo in tutti questi anni la tenuta del SSN. Per questo si candida ad offrire un contributo decisivo per la fase di rilancio del Paese, che ha bisogno di visione e competenze sulle scelte allocative e organizzative. È il momento di utilizzare anche l’emergenza come occasione per riaffermare il ruolo del management pubblico per la trasformazione della PA e il rilancio dell’Italia. Francesco Ripa di Meana, Elio Borgonovi, Enrico Giovannini, Giovanni  Migliore, Angelo Tanese, Alberto Zoli ne hanno discusso nel corso del Web meeting organizzato da FIASO il 21 luglio. L’incontro è stato moderato da Nicola Pinelli.

Forum Risk Management. Governare le Aziende sanitarie in cambiamento  


Della governance del SSN abbiamo visto discutere continuamente sui media nel corso della pandemia, con una attenzione quasi esclusiva sui poteri e sulle responsabilità di governo al livello nazionale e regionale. Proviamo a riflettere sul tema esaminando i processi di fusione che hanno interessato negli ultimi anni le Aziende sanitarie, a partire da tre esempi concreti, le Aziende di Torino, Firenze e Roma e, in particolare, dalle modalità di riconfigurazione degli assetti e dei meccanismi di governo aziendale, dalla risposta del middle management in termini di cambiamento di ruolo e di adattamento alla nuova dimensione aziendale e da tutto ciò che ne deriva. Lo abbiamo fatto nel corso del primo appuntamento di FIASO al Forum Risk Management, dedicato al tema Governare le Aziende sanitarie in cambiamento, che è anche il titolo del volume realizzato dalla Federazione, presentato durante l’incontro. Ne abbiamo discusso con gli Autori, Mario Del Vecchio, professore associato di Economia aziendale all’Università di Firenze, e Anna Romiti, ricercatrice di Economia e gestione delle imprese presso lo stesso ateneo, insieme ai Dg di Aziende sanitarie del territorio, come la Asl Città di Torino e la ASL Roma 1.

Forum Risk Management. Territorio a una svolta? Verso un position paper FIASO  


Siamo davvero alla vigilia di una svolta nella organizzazione della assistenza territoriale e delle relazioni tra questa ed altre aree del SSN? La pandemia ha costretto il SSN a mettere in discussione i suoi modelli organizzativi, a superare inerzie storiche e rigidità burocratiche. Il territorio è stato l’epicentro di questo sommovimento e le Aziende sanitarie hanno sperimentato in questa area la gran parte della innovazione che hanno messo in campo per trovare soluzioni alla difficile congiuntura, guardando oltre l’emergenza. Un patrimonio di esperienze che rappresenta un repertorio di potenziali modelli organizzativi intorno ai quali costruire una assistenza territoriale maggiormente in grado di garantire risposte efficaci ed efficienti alla domanda di presa in carico e di continuità delle cure e scongiurare malaugurati ritorni al passato. Ma non ci sono automatismi che garantiscano tutta l’innovazione necessaria quando la pandemia sarà finalmente alle nostre spalle. Ragion di più per alimentare e tenere vivo il dibattito sul tema.Ne abbiamo discusso nel corso del secondo appuntamento di FIASO al Forum Risk Management, dal titolo Territorio a una svolta? Verso un position paper FIASO, con Annamaria Parente, Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Valerio Fabio Alberti, già Presidente FIASO, Francesco Longo, docente dell’Università Bocconi e con i Dg di Ats Pavia, Asl Roma 2, AReSS Puglia, ASU Gi Trieste e ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Forum Risk Management. Politiche per lo sviluppo e la valorizzazione del personale del SSN  


L’emergenza da COVID-19 ha sortito effetti di grande rilievo sulla gestione complessiva delle politiche del personale, oltre che sulla organizzazione del lavoro. La pandemia ha fatto emergere con maggiore evidenza questioni già chiare in precedenza, le Aziende sanitarie hanno risposto muovendosi secondo logiche mission driven, dimostrando grande capacità di adattamento e flessibilità e utilizzando al meglio le condizioni di eccezionalità sul piano delle regole e delle procedure e l’allentamento delle barriere professionali e disciplinari. Tutti elementi che hanno contribuito, e non poco, al governo di un momento storico così complesso, trasformando la pandemia in un’opportunità senza precedenti per migliorare efficacia ed efficienza del SSN.Ne abbiamo discusso nel corso del terzo appuntamento di FIASO al Forum Risk Management, dal titolo Politiche per lo sviluppo e la valorizzazione del personale del SSN, con Marco Rotondi, Presidente IEN, e i Dg Chiara Serpieri (Asl VCO), Luca Baldino (Azienda USL di Piacenza), Marco Bosio (ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda), Roberto Sanfilippo (Cefpas) e Sergio Castiglioni (Dirigente responsabile UOC Gestione Risorse Umane della ASST Ovest Milanese).

Forum Risk Management. Sicurezza dei luoghi di cura e responsabilità professionale  


A che punto siamo sulla sicurezza dei luoghi di cura, per operatori e cittadini? Il tema è tornato di attualità, con le sue specificità, nel corso della pandemia, ma è parte di una riflessione che ha accompagnato con continuità la vita del SSN nel corso degli ultimi venti anni. Considerazioni analoghe riguardano le questioni della responsabilità professionale, al centro della recente Legge Gelli-Bianco del 2017. FIASO ha lavorato intensamente su entrambi questi filoni nel corso degli ultimi tre anni, prima con una serie di webinar sulla gestione del rischio nelle Aziende sanitarie e ospedaliere e sulle disposizioni introdotte dalla Legge 8 marzo 2017 n. 24, quindi con una survey tra le Aziende associate per verificare le modalità di attuazione della stessa Legge n. 24/2017 e l’organizzazione della gestione del rischio. Infine, attraverso la raccolta di testimonianze e osservazioni maturate durante la fase pandemica. Ha preso forma, così, un quadro d’insieme in grado di tenere conto delle questioni di maggior rilievo, ancorché provvisorio e da incrementare con la raccolta di ulteriori esperienze. Tutti questi materiali sono confluiti in un Quaderno FIASO, appena pubblicato, che offre una base per un’analisi aggiornata dello stato dell’arte della gestione del rischio nelle Aziende e l’apertura di una riflessione sulle questioni irrisolte, oltre che un riferimento per la prosecuzione di un percorso di sostegno alle stesse Aziende nelle attività a garanzia della sicurezza dei luoghi di cura.Ne abbiamo discusso nell’ultimo appuntamento della giornata FIASO al FRM2020 con Andrea Minarini, Risk manager FIASO e Azienda Usl di Bologna, Rosaria Russo Valentini, avvocato, il Direttore generale dell’INMI Lazzaro Spallanzani Marta Branca, Carlo Nicora, Dg della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia e con Giuseppe Lucibello, Dg Inail.

Privacy Policy | Condizioni d'uso

CC 2018 Fiaso. Alcuni diritti riservati.

CC 2014 Fiaso. Alcuni diritti riservati.